News

A Campobasso e Benevento due importanti eventi formativi in ambito sanitario.

Sicurform Italia Group, provider ECM n°2525, sarà impegnata in un doppio evento a Campobasso e Benevento, entrambi i momenti formativi consentiranno ai partecipanti di ottenere il riconoscimenti di crediti formativi.

 

________________________________________________________________

 

IL DOLORE, MISTERI E LE SUE PAURE: nuove strategie terapeutiche per un corretto percorso assistenziale territoriale integrativo

20 ottobre 2018, Chiostro di S. Sofia – Museo del Sannio, piazza Santa Sofia, Benevento (Crediti ECM: 10)

Passare da un atteggiamento non razionale nel trattamento del paziente con dolore cronico ad un atteggiamento razionale focalizzato su interventi preventivi più efficaci con maggiore risalto alla terapia non farmacologica, (attività fisica, riabilitazione, assistment psicologico ) e alla terapia farmacologica personalizzata attraverso una maggiore collaborazione tra i professionisti della salute.

 

Mission

Il Dolore cronico rappresenta ai nostri giorni una vera e propria emergenza clinica e socio-economica interessando circa 15 milioni di italiani. Infatti, ne è affetto 1 cittadino su 4 per un periodo medio di 7,7 anni e circa 3 milioni di pazienti soffrono di dolore per oltre 20 anni. Questi dati mettono in luce la dimensione del problema che non affligge solo i pazienti affetti da patologie oncologiche, ma anzi è particolarmente sentito e impattante nei pazienti affetti da altre patologie quali artriti, artrosi, fibromialgia, osteoporosi, ecc. Recentissimi studi hanno evidenziato che nei pazienti affetti da dolore non oncologico, il dolore si ripercuote in maniera negativa sulla loro capacità di condurre una vita normale: nel 73% dei casi hanno difficoltà a svolgere le attività di tutti i giorni, come i lavori domestici o le occupazioni familiari e ricreative, nel 68% il dolore influisce sulla capacità lavorativa, nel 46% altera i rapporti familiari e sociali, nel 60% altera la qualità del sonno e nel 41% le relazioni sessuali. Non solo, ma, il dolore influisce anche sullo stato emotivo delle persone colpite: il 44% di loro si sente solo nella propria malattia, 2/3 si sentono ansiosi e depressi e per il 28% di loro il dolore è così forte ed insopportabile che preferirebbero morire.

Pertanto, gli obiettivi del corso sono quelli di fornire ai partecipanti, le conoscenze più attuali in tema di dolore che consentano di identificare ed affrontare in maniera ottimale la diagnosi ed il trattamento più idoneo dei pazienti. Alla fine del corso i partecipanti dovrebbero essere in grado di conoscere e valutare correttamente:

1) L’ applicazione delle risorse cliniche per ottimizzare il trattamento dei pazienti con dolore cronico;

2) Il meccanismo di azione delle terapie farmacologiche e non farmacologiche unitamente agli effetti negativi delle stesse.

3) Le opzioni terapeutiche attuali per il trattamento del dolore ed identificazione degli schemi terapeutici più appropriati e più sicuri.

 

Metodologia formativa

Avvicinare i medici di medicina generale (MMG) ad una nuova “ cultura” nell’approccio e nell’intervento terapeutico sul dolore, soprattutto quando è una “ pena aggiuntiva “ alla malattia stessa. Tentare un confronto tra medici di medicina generale e specialisti (ortopedici, fisioterapisti, geriatri, terapisti del dolore) nella diagnosi e terapia del dolore acuto e cronico. Far acquisire nuove conoscenze in tema di diagnosi delle sindromi
dolorose e delle indicazioni, controindicazioni, interazioni, effetti collaterali dei farmaci antidolorifici. Ottimizzare la gestione del paziente ambulatoriale affetto da sindromi dolorose anche attraverso la definizione di un percorso assistenziale territoriale di integrazione tra MMG e Specialisti di riferimento. Migliorare le capacità comunicative con il paziente sia sotto l’aspetto affettivo – relazionale, che psicologico.

 

Programma del corso

Moderatore: Dott. Antonio Catalano

Ore 08.30 – 9.00 Registrazione Partecipanti

Ore 09.00 – 9.15 Presentazione del Corso – Dott. A. Pacelli

Ore 09.15 – 10.15 Il Dolore nel setting della Medicina Generale: Definizione, epidemiologia, qualità della vita, disabilità e costi sociali – Dott. A. Pacelli

Ore 10.15 – 10.20 Discussione con i partecipanti

Ore 10.20 – 11.20 Fisiopatologia del Dolore acuto e cronico: · Cause, Sintomi, Diagnosi e Linee Guida · La gestione delle fratture vertebrali – Dott. G. Fusco

Ore 11.30 – 11.45 Coffee break

Ore 11.45 – 12.45 Strategie Terapeutiche: · Gli analgesici non oppioidi ed oppioidi · La terapia con oppioidi nel dolore ribelle non oncologico · Efficacia clinica della formulazione trans dermica di Fentanyl nel dolore
osteoarticolare cronico severo – Dott. V. Palmieri

Ore 12.45 – 13.00 Discussione con i partecipanti

Ore 13.00 – 14.00 Fentanyl e medicina generale: il connubio perfetto – Dott. A. Pacelli

Ore 14.00 – 15.00 Pranzo

Ore 15.00 – 15.45 Tavola rotonda: · Oltre i recettori: Il paziente malato e l’uomo che soffre · Il dolore globale – Dott. G. Fusco, Dott. A. Pacelli, Dott. V. Palmieri

Ore 15.45 – 16.30 Casi clinici: · Trattamento antalgico long-term nel paziente anziano · Strategie terapeutiche nel dolore farmacoresistente – Dott. A. Pacelli

Ore 16.30 – 17.15 La gestione del dolore cronico nel paziente anziano: · Prevenzione e trattamento · Attività fisica e ruolo della Riabilitazione · Assessment psicologico – Dott. G. Fusco, Dott. V. Palmieri

Ore 17.15 – 18.00 Tavola Rotonda: Specialisti e MMG a confronto · Il dolore cronico: Valutazioni Medico-Legali – Dott. G. Fusco, Dott. A. Pacelli, Dott. V. Palmieri

Ore 18.00 – 18.30 Verifica apprendimento ECM e chiusura del Corso

 

Iscrizione

La partecipazione all’evento è gratuita. Per iscriversi è necessario compilare il modulo online presente alla pagina www.promoeventi.it

 

Clicca QUI per scaricare la brocure dell’evento ECM – BN

_________________________________

 

APPROPRIATEZZA TERAPEUTICA E RISCHIO CARDIOVASCOLARE: istruzioni per l’uso

20 ottobre 2018, Campobasso – Hotel San Giorgio, via Insorti d’Ungheria (crediti ECM: 8)

Identificare le persone soggette a rischio cardiovascolare elevato è uno dei principali obiettivi della prevenzione primaria individuale e costituisce la premessa necessaria per l’attivazione di azioni volte a ridurre i fattori
di rischio modificabili, dal cambiamento dello stile di vita all’intervento farmacologico. La prevalenza delle malattie cardiovascolari sta aumentando in tutti i paesi industrializzati, compresa l’Italia, e a questo aumento si associa un incremento dell’impatto sociale ed economico della malattia sulla popolazione. Ipertensione Arteriosa, Diabete e Dislipidemie, si associano ad aumento del rischio di aterosclerosi e quindi di malattie
cardiovascolari. Per questo motivo la comprensione e la critica valutazione dei dati presenti nella letteratura scientifica Nazionale ed Internazionale e la discussione degli aspetti patogenetici e terapeutici,
acquisiscono estrema importanza e rilevanza clinica. Numerosi studi epidemiologici e trials hanno dimostrato che una larga parte di questi eventi può essere prevenuta con la modificazione dello stile di vita, attraverso il controllo ed il trattamento dei principali fattori di rischio CV e l’uso di appropriati farmaci. La comprensione e la critica valutazione dei dati presenti nella letteratura scientifica nazionale ed internazionale e la discussione degli aspetti patogenetici e terapeutici, acquisiscono estrema importanza e rilevanza clinica. La terapia con statine rappresenta il cardine del trattamento del paziente sia in prevenzione primaria che in quella secondaria.

Verranno illustrati i principali trials di comparazione delle diverse statine attualmente in commercio, con particolare riferimento ai differenti approcci terapeutici. Verranno inoltre affrontate l’appropriatezza, le indicazioni e la prescrivibilità delle statine nelle varie tipologie di pazienti. Poter discutere in un incontro di formazione per MEDICI DI MEDICINA GENERALE tali aspetti, rappresenta pertanto un momento
fondamentale per l’aggiornamento e la formazione permanente degli operatori del settore e vuole sottolineare il ruolo portante dei MEDICI DI MEDICINA GENERALE, nella gestione e soprattutto prevenzione
delle malattie cardiovascolari nel territorio.

 

Programma del corso

Ore 8.30 Registrazione dei partecipanti

Ore 9.00-9.15 Introduzione e apertura dei lavori – Dr. ERNESTO LA VECCHIA, Responsabile Scientifico del corso

Ore 9.15 -9.45 Il trattamento del rischio cardiovascolare: le statine non sono tutte uguali; dai trial clinici alla Evidence Based Medicine. La terapia con statine rappresenta il cardine del trattamento del paziente a rischio cardiovascolare ed ha un ruolo fondamentale nella prevenzione. Verranno illustrati i principali trials di comparazione delle diverse statine attualmente in commercio con lo scopo di differenziare le diverse molecole oggi disponibili. – Dr. ANGELA RITA COLAVITA, Primario U.O.C. Cardiologia, Ospedale Cardarelli, Campobasso

Ore 9.45-10.15 Nefropatie, insufficienza renale e rischio cardiovascolare: concetti chiave per il medico di medicina generale. Lo scopo della relazione è quello di fornire al MMG i concetti fondamentali
per porre una diagnosi precoce di nefropatia, insufficienza renale in pazienti ad alto rischio di un evento cardiovascolare, con l’obiettivo di prevenire e/o ritardare il danno d’organo e la terapia sostitutiva. – Dr. MAURIZIO BRIGANTE, Direttore U.O.C. Nefrologia-Dialisi, Ospedale Cardarelli, Campobasso

Ore 10.15-10.45 Parametri tradizionali e strumentali attuali per la valutazione del rischio cardiovascolare. Nel corso della relazione saranno analizzati i fattori di rischio per eventi cardiovascolari quali
dislipidemia, diabete, ipertensione arteriosa, fumo di sigaretta ecc. e sarà illustrata la carta del rischio cardiovascolare quale strumento per la quantificazione del rischio. Dr. ANGELA RITA COLAVITA, Primario U.O.C. Cardiologia, Ospedale Cardarelli, Campobasso

Ore 10.45-11.00 Discussione con i relatori

Ore 11.00-11.30 Coffe Break

Ore 11.30-12.00 Le raccomandazioni delle Linee Guida nei pazienti ad alto rischio: il ruolo delle statine nei pazienti con Sindrome Coronarica Acuta. La relazione sarà incentrata sull’inquadramento delle
sindromi coronariche acute: ST sopra e non ST sopra, sul differente comportamento clinico e terapeutico alla luce delle linee guida e ultimi trials. – Dr. GIANLUDOVICO MAGRI,. Dirigente Medico U.O. Cardiologia con UTIC, ASREM, Campobasso

Ore 12.00-12.30 La Prevenzione Cardiovascolare e le esigenze della Medicina Generale. Il problema della prevenzione cardiovascolare del paziente a basso rischio riveste una rilevanza sempre maggiore per
il medico del territorio, considerata l’elevata incidenza delle patologie cardio-cerebrovascolari e la loro gravità nella nostra realtà. La relazione si propone di aggiornare i medici del territorio sulle linee guida
diagnostiche e terapeutiche dei principali quadri patologici, con una particolare attenzione all’esigenze del medico di famiglia. Parametri tradizionali e strumentali attuali per la valutazione del rischio
cardiovascolare – Dr. NICOLA FATICA, Medico di Medicina Generale, Campobasso

Ore 12.30-13.00 Appropriatezza, prescivibilità, rimborsabilità e sostituibilità: brand o generico? Il punto di vista del Legale – Avv. MARIO COPPOLA, Avvocato libero professionista

Ore 13.00-13.30 Discussione e conclusioni

Ore 13.30-14.30 Light Lunch

Ore 14.30-16.30 Casi clinici

Ore 16.30-17.00 Questionario ECM

 

Iscrizione

La partecipazione all’evento è gratuita. Per iscriversi è necessario compilare il modulo online presente alla pagina www.promoeventi.it

 

Clicca qui per scaricare la brochure dell’evento ECM – CB – 20 ottobre 2018