Emilia Romagna: 5 milioni di euro per la formazione a sostegno della transizione verde e digitale

La pandemia COVID-19, la digitalizzazione e il cambiamento climatico stanno avendo un impatto importante su economia, occupazione e società. L’istruzione e la formazione professionale è chiamata a contribuire alla realizzazione di nuove strategie per dare risposta ad eventi senza precedenti, come il recupero post-COVID, e sfide come il cambiamento demografico, l’innovazione digitale, approcci sostenibili o climaticamente neutri, la crescente domanda di competenze e la crescente necessità di migliorare costantemente le proprie skill durante la vita lavorativa.

Il 30 novembre 2020 è stata approvata la Dichiarazione di Osnabrück 2020 sull’istruzione e la formazione professionale quale elemento chiave per la ripresa e per favorire una transizione giusta verso un’economia verde e digitale. La dichiarazione è sostenuta dai Ministri responsabili dell’Istruzione e della formazione professionale degli Stati membri dell’UE, dei paesi candidati all’adesione e dei paesi EFTA/SEE, dalla Commissione europea e dalle parti sociali. Essa delinea quattro obiettivi da raggiungere attraverso misure a livello nazionale e dell’UE:

a) promuovere la resilienza e l’eccellenza attraverso un’istruzione e una formazione professionale di qualità, inclusiva e flessibile;

b) creare una nuova cultura dell’apprendimento permanente che si adatti alla digitalizzazione;

c) includere la sostenibilità e l’ecosostenibilità nell’istruzione e nella formazione professionale

d) rafforzare la dimensione internazionale dell’istruzione e della formazione professionale e di uno spazio europeo dell’istruzione e della formazione.

“Solo lavorando insieme possiamo garantire che l’istruzione e la formazione professionale continuino ad essere un motore fondamentale di innovazione e crescita e contribuiscano a formare la forza lavoro di cui abbiamo bisogno nelle nostre società e nelle nostre economie per la ripresa e le transizioni verde e digitale.” (Nicolas Schmit, Commissario UE per il Lavoro e i diritti sociali)

Per preparare le imprese, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni (PMI) che, in Italia, sono il 99% di quelle attive, sono in arrivo alcune interessanti agevolazioni finanziarie da parte del Ministero dello sviluppo economico, i cui bandi per l’assegnazione delle risorse saranno pubblicati man mano anche sul nostro sito.

A cominciare dalle opportunità poste in campo dalla Regione Emilia Romagna che mette a disposizione 5 milioni di euro per finanziarie per la formazione permanente a sostegno della transizione verde e digitale (fondo sociale europeo 2014/2020, obiettivo tematico 10, priorità di investimento 10.4).

Il bando intende rendere disponibile un’offerta formativa modulare e flessibile finalizzata a qualificare e aggiornare le competenze delle persone per sostenerle nell’inserimento, reinserimento e permanenza nel mercato del lavoro e per rispondere alla richiesta delle imprese di competenze funzionali ad attivare e sostenere processi di innovazione, verde e digitale, dei processi produttivi, delle modalità di accesso ai mercati, dei modelli gestionali e organizzativi delle imprese di produzione di beni e servizi.

I destinatari sono persone che hanno assolto l’obbligo d’istruzione e che, indipendentemente dalla condizione nel mercato del lavoro, necessitano di azioni formative per acquisire conoscenze e competenze necessarie a rafforzare la propria occupabilità e adattabilità ai processi di transizione di tutti i settori produttivi, delle filiere manifatturiere e dei servizi del terziario.

Sicurform Italia Group vuole contribuire a dare peso al diritto delle persone a un’istruzione e una formazione permanente di qualità e inclusiva.

In quest’ottica è a disposizione di lavoratori, imprese e attori socio-economici della regione per partnership, progettazione e realizzazione di percorsi formativi innovativi (online e in presenza) in linea con il reale fabbisogno delle aziende.

Le domande dovranno essere presentate per via telematica entro e non oltre le ore 12.00 del 17/03/2021 pena la non ammissibilità.

Maggiori informazioni sul bando alla pagina dedicata della Regione Emilia Romagna.